Mondiali Brasile 2014: Viaggio nei Nuovi Stadi Ecosostenibili!

Mundial Brasil 2014

Para mantener la esencia del texto en Blogavista hemos decidido respectar el idioma original del post.

Dopo il piccolo scalo tra i Fairway ed i Green dell’eclettica Spagna si decolla direzione Brasile!

Dopo mille difficoltà ed altrettante polemiche sono iniziati i Mondiali 2014 ed i riflettori si sono accesi sulle città e sugli stadi che ospitano il Campionato del Mondo.

I dodici avveniristici stadi brasiliani sono costati quasi 3 miliardi di euro e rappresentano dodici architetture all’avanguardia; sono firmati da architetti di fama internazionale (come Populous, Anibal Coutinho) e da studi di design e architettura americani (come Gensler e HKS), tutti impegnati a incrementare lo sviluppo delle infrastrutture del Brasile, affiancati da architetti e ingegneri tedeschi (come Gerkan, Marg e partner (Gmp), Rkw, Schulitz e Hpp) che dal 2006 danno un importante contributo nella costruzione degli Stadi nei ciqnue continenti.
Pur nati fra difficoltà e ritardi, la FIFA ha voluto assicurarsi che tutti gli interventi di costruzione, ristrutturazione e Restyling architettonico si ispirassero ai principi di sostenibilità ambientale e rientrassero nei piani di sviluppo della FIFA World Cup 2014.

I progettisti hanno quindi lavorato nell’ottica di una riduzione dell’inevitabile impatto negativo della Coppa del Mondo sulla società e sull’ambiente accrescendo attraverso i loro progetti di architettura solo le conseguenze positive per lasciare, finiti i Mondiali di Calcio, un’eredità duratura ai cittadini del Brasile che si ritroverà con dodici stadi modernissimi che sicuramente verranno utilizzati molto di più delle strutture sudafricane, nate per la Coppa del Mondo di quattro anni fa ed utilizzati pochissimo negli scorsi anni perché il calcio risulta uno sport marginale rispetto al rugby.

Ecco una mappa delle città che ospitano la Coppa del Mondo ed alcune notizie sui nuovi stadi:

Mapas Ciudades Mundial 2014

 

Estadio Mineirao – Belo Horizonte
Lo stadio Mineirão, noto tra i tifosi anche come Gigante da Pampulha, è il più grande stadio per il calcio nel Minas Gerais.

Estadio Mineirao de Belo Horizonte

ll Gigánte da Pampulha, svetta con la sua imponenza nella città di Belo Horizonte. Questo stadio ha quasi 50 anni di storia alle spalle, realizzato in appena un anno, venne inaugurato sul finire del 1965 con una grande festa, alla quale presenziarono oltre 73mila persone. Nel 2012 il Mineirão è stato sottoposto ad un importante intervento di riqualificazione ad opera degli studi Gustavo Penna Arquiteto & Associados, BCMF e Engserj (243 milioni di euro) durato tre anni che ha portato alla completa ricostruzione del livello inferiore, all’ampliamento della vecchia copertura in cemento armato, ed ulteriori ristrutturazioni per aggiornare lo stadio alle norme della FIFA

Proyecto Estadio Mineirao de Belo Horizonte

 

Estadio Nacional de Brasilia – Brasilia
L’Estádio Nacional Mané Garrincha non ospiterà la finale ma è stato in assoluto lo stadio più costoso del mondiale con i suoi 526 milioni di euro.

Estadio Nacional de Brasilia

Ristrutturato, nell’ottica di un utilizzo come spazio pubblico sportivo e non, dallo studio di architettura Castro Mello Architects con i suoi 70.000 posti è il primo impianto a “energia zero”. La copertura dello stadio è in pannelli fotovoltaici e per tutto l’intervento è stato sviluppato un sistema di recupero dell’acqua piovana da riutilizzare per i servizi igienici e l’irrigazione del manto erboso, riducendo il consumo di acqua dell’80%. Provvisto di 3.500 posteggi per le bici dedicati a coloro che amano e rispettano l’ambiente

Proyecto Estadio Nacional de BrasiliaProyecto Estadio Nacional de Brasilia (Tecnología)

 

Arena Pantanal – Cuiabá

Arena Pantanal de Cuiaba

Lo stadio con una capacità di 41.112 posti prende il posto del vecchio stadio José Fragelli demolito nel 2010 ed è stato progettato dallo studio di architettura GCP Arquitetos che ha puntato su un approccio sostenibile e l’eco-compatibile utilizzando nella costruzione legno proveniente da fonti certificate prodotti provenienti dal riciclo.

Questo stadio (ribattezzato O Verdão (The Big Green)), in cui la qualità dell’aria e del suolo sono costantemente monitorate ha una struttura flessibile, che può essere ridotta una volta conclusi i Mondiali Brasile 2014 per ospitare una serie di eventi quali spettacoli, mostre e fiere.

 

Estadio Castelao – Fortaleza

Estadio Castelao de Fortaleza

Mix di eco sostenibilità e tecnologia da 170 milioni di euro a firma dell’architetto David Douek è il primo impianto del Brasile certificato LEED ed al suo interno è stato creato un sistema di raccolta differenziata.
Risulta il quarto stadio per capienza del Brasile con i suoi 63,903 posti, tutti a sedere e coperti dal tetto e nella sua costruzione è stato riciclato il 97% dei rifiuti prodotti durante il cantiere grazie ad un impianto di riciclaggio appositamente costruito in loco, sono stati ridotti del 67% i consumi di acqua potabile ed il 92% del legno utilizzato nella costruzione è stato certificato dall’FSC. 1.900 i posti auto sono riservati al servizio di car sharing ed ai veicoli che utilizzano carburanti alternativi, un’area VIP ed un media center completano l’intervento.

 

Estadio das Dunas- Natal
Progettato dallo studio Populous e per un costo di 139 milioni di euro, lo Stadio das Dunas con i suoi 39,000 posti ha una struttura reticolare in acciaio composta da 20 moduli a forma di petalo.

Estadio das Dunas de Natal

Rivestito con piastrelle in alluminio richiama il paesaggio di dune di sabbia che sono uno dei più imponenti attrazioni naturali della regione Natal Fasce traslucide di policarbonato riempiono gli spazi tra ogni petalo permettendo alla luce naturale di penetrare maggiormente nello stadio. L’ erba utilizzata per il prato è stata selezionata tenendo conto della sua resistenza al clima caldo della regione ed è irrigata attraverso un sistema di riciclo delle acque piovane facente parte di un più ampio sistema di drenaggio integrato.

 

Arena Pernambuco – Recife
Progettato dallo studio di architettura Fernandes Architects & Associates lo Stadio Pernambuco costato 175 milioni di euro può ospitare 46.000 persone per gli eventi sportivi e a 63.000 persone per quelli musicali.

Arena Pernambuco de Recife

La struttura occupa una superficie di circa 50 ettari e dispone di 4.700 posti auto di cui 800 coperti e fa parte di un complesso comprendente anche ristoranti, centri commerciali e cinema. L’Arena Pernambuco è illuminata grazie all’energia prodotta da moduli fotovoltaici con oltre 3.650 moduli monocristallini ad alta efficienza. Il sistema fotovoltaico riuscirà a produrre oltre 1.500 MWh di energia elettrica all’anno, pari al 30% del fabbisogno energetico dello stadio e quando l’area non sarà in funzione l’energia solare prodotta dall’impianto sarà immessa in rete e distribuita alla comunità locale. Il progetto è visto come un catalizzatore economico per la continua espansione della Grande Recife, in una zona che è considerata economicamente svantaggiata. Si stima che l’area sarà oggetto di espansione residenziale con la costruzione di circa 5.000 abitazioni.

 

Estadio Do Maracana – Rio de Janeiro
Seconda attrazione turistica più popolare di Rio è lo stadio che ospiterà la finale dei Mondiali ed è costato 395 milioni di euro (il preventivo iniziale era di 230 milioni).

Estadio Do Maracana de Rio de Janeiro

Radicalmente ristrutturato (eccetto la facciata) rispettando il layout originale e ridotto di oltre la metà della capienza , ora può ospitare 78.000 persone con sedili colorati di giallo, blu e bianco che rappresentano con il verde del campo i colori nazionali del Brasile. Coperto da un tetto ellittico (quello originale in calcestruzzo è stato demolito e sostituito con una membrana di fibra di vetro in teflon) di 50mila metri quadri di pannelli fotovoltaici; la demolizione dell’anello inferiore di posti ha lasciato il posto alla costruzione di un nuovo anello che offre una migliore visibilità. Lo stadio è inoltre dotato di un nuovo sistema di raccolta dell’acqua piovana e 360 telecamere di sicurezza.

 

Arena de Sao Paulo – Sao Paulo
Scelto per ospitare l’incontro di apertura dei Mondiali Brasile 2014 l’Arena de Sao Paulo con i suoi 48mila posti, a cui potranno esserne aggiunti 20mila potranno con tribune mobili per volere del Corinthians che avrà lo stadio alla fine del Mondiale è’ costato 329 milioni di euro e la vita di tre operai morti durante la costruzione.

Arena de Sao Paulo

Il progetto dell’’architetto Anibal Coutinho è stato finanziato per promuovere lo sviluppo del quartiere di Itaquera nella zona orientale della città, una delle zone di San Paolo più svantaggiate con i suoi quasi quattro milioni di abitanti. La gigantesca facciata vetrata a est dell’impianto trasformata nel più grande video display mai realizzato.

Grazie a Google Maps e Street View è possibile vedere tutti gli stadi dove si disputano le gare dei Mondiali oltre alle immagini delle strade dipinte e di centinaia di altri luoghi del Brasile, inclusi il Parco Nazionale Iguaçu e il Santuario di San Michele delle Missioni.

Buon proseguimento di Mondiale a tutti ….e che vinca lo sport!

More from Veronica Pirrone

Curioseando entre Calles y Catedrales del Vino en España

Según un refrán español “Las mejores esencias se guardan en frascos pequeños”...
Leer Más

1 Comentario

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Conoce cómo se procesan los datos de tus comentarios.